Michele Loporcaro

Ordentlicher Professor für Romanische Sprachwissenschaft (Historische Sprachwissenschaft des Italienischen am Romanischen Seminar der Universität Zürich)

Romanisches Seminar
Zürichbergstrasse 8
CH - 8032 Zürich
+41 (0)44 634 36 14

Curriculum vitae

Michele Loporcaro (Roma 1963)

Professore ordinario di linguistica romanza - linguistica storica italiana nel Seminario di Romanistica dell'Università di Zurigo.

Direttore del seminario di Lingue e letterature romanze dal settembre 2000 al settembre 2004.

Dal 2006 direttore ad interim del seminario di Linguistica generale.

Studi

  • 1982-1990: studi di linguistica a Pisa (Università e Scuola Normale Superiore) e a Vienna (1984-85)

Carriera

  • Dal gennaio 2000 nella posizione attuale. In precedenza:
  • 1.12.1990-31.10.1992: ricercatore universitario, Dipartimento di Linguistica dell'Università di Padova.
  • Dal 1.11.1992: professore associato di Dialettologia, Dipartimento di linguistica, Università della Calabria.
  • Dal 16.4.1995: professore straordinario di Linguistica romanza.
  • Linguistica storica italiana nel Seminario di Romanistica dell'Università di Zurigo.

Incarichi didattici come professore ospite

  • Università di Vienna, Institut für Sprachwissenschaft, maggio 1996. Corso su: Theorie der Diachronie.
  • Università di Vienna, Institut für Sprachwissenschaft, aprile e giugno 1998. Seminario compatto dilinguistica diacronica.
  • Bellinzona, Centro di Dialettologia della Svizzera Italiana, Corso di dialettologia, 14-25 settembre 1998.Ciclo di lezioni su Dialettologia italiana e linguistica storica (21-25 settembre).
  • University of Wisconsin, Madison, Dept. of French and Italian, settembre 2000: visiting scholar. Introduction to Romance linguistics (I. Sardinian; II. Auxiliary selection)
  • Università di Vienna, Institut für Sprachwissenschaft, gennaio 2001. Corso compatto di fonologia diacronica.
  • Summer School, Association for Linguistic Typology (Università di Cagliari, 1-11 settembre 2003). Corso su: Italian dialects and linguistic typology.
  • Università di Graz, Institut für Sprachwissenschaft, novembre 2003-gennaio 2004. Seminario di fonologia diacronica.
  • Scuola Normale Superiore di Pisa, 18-27 febbraio 2004. Corso su: Linguistica (storica) romanza e linguistica generale
  • Università di Roma Tre, Dipartimento di Italianistica, 22-23 febbraio 2005. Corso per il dottorato di italianistica (8 ore), nel quadro della mobilità docenti Erasmus, su: I. Lessico e mutamento linguistico; II. Alle origini del tipo linguistico italiano settentrionale.
  • Università Babes-Bolyai, Cluj-Napoca, 16-20 maggio 2005. Soggiorno nel quadro della mobilità docenti Erasmus, 8 ore di lezione per le Cattedre di francese, italiano e romeno e presso la Società Romena di Linguistica Romanza, secondo il seguente programma:
  • Università di Vienna, Institut für Sprachwissenschaft, 7-11 novembre, 14-16 dicembre 2005. Corso compatto (24 ore): Die italienischen Dialekte und die Sprachtypologie.
  • Università di Pavia/Collegio Ghislieri, 26-28 febbraio 2007. Ciclo di lezioni (6 ore): Alle origini del tipo italo-romanzo settentrionale.
  • Università Babes-Bolyai, Cluj-Napoca, 23-28 aprile 2007. Soggiorno nel quadro della mobilità docenti Erasmus, 10 ore di lezione per la Cattedre di italiano e la Società Romena di Linguistica Romanza, secondo il seguente programma:
  • 24-26.4.2007 Breve introduzione alla linguistica storica italiana (6 ore); 26.4.2007: La logique de l‘accord du participe passé dans les langues romanes; 26.4.2007: Retorica del notiziario nell‘Italia contemporanea.
  • Università del Molise (Campobasso), 16-20 luglio 2007. Corso su "Methodology of dialectology and its theoretical consequences" (10 ore) nel quadro della Summer School on Linguistic Methodology della Societas Linguistica Europaea (SLE).
  • Bellinzona, Centro di Dialettologia e di Etnografia, Corsi estivi di dialettologia, 27 agosto-7 settembre 2007. Corso (10 ore) su Carlo Salvioni e la dialettologia italiana (27-31 agosto).

Altri incarichi

  • Attività di revisore (referee) per il Fondo Nazionale Svizzero per la ricerca scientifica (novembre 1996) e per l'Accademia svizzera delle scienze (settembre 1999).
  • Dal marzo 1998: membro della commissione scientifica del Vocabolario dei Dialetti della Svizzera Italiana, Bellinzona.- giugno 1999: nominato dal MURST revisore per le richieste di cofinanziamento di programmi di ricerca scientifica di rilevante interesse nazionale (DM. n. 811, 3.12.98), anno 1999.
  • Dal maggio 1999: membro della commissione scientifica dell'Archivio Fonografico dell'Università di Zurigo.
  • Dal gennaio 2001: membro della commissione scientifica dell'Istituto Svizzero di Roma.
  • Dal 2004: co-presidente della commissione scientifica dell'Archivio Fonografico dell'Università di Zurigo.
  • Dal 2005: vice-presidente del Collegium Romanicum (associazione dei romanisti svizzeri).
  • Dal 2005: responsabile del settore della linguistica italiana per la Romanische Bibliographie (RB), Max Niemeyer Verlag.
  • Dall’agosto 2007: presidente della commissione scientifica del Laboratorio di Fonetica dell'Università di Zurigo.

Premi e riconoscimenti

  • Premio Borgia dell'Accademia dei Lincei per la filologia e la linguistica 1989.

Berufsbild

Principali aree di ricerca

  • Linguistica italiana e romanza. Studi sulla struttura (fonetica e fonologia, morfologia, sintassi, lessico) dell'italiano e delle varietà dialettali italo-romanze
  • Linguistica storica (teoria del mutamento linguistico)
  • Linguistica teorica (fonologia, morfologia, sintassi)

Forschungshighlights und ausgewählte Publikationen

Monographien

Grammatica storica del dialetto di Altamura, Pisa, Giardini 1988.

L'origine del raddoppiamento fonosintattico. Saggio di fonologia diacronica romanza, Romanica Helvetica vol.115, Basilea e Tubinga, Francke Verlag 1997.

Sintassi comparata dell'accordo participiale romanzo, Torino, Rosenberg & Sellier 1998.

Cattive notizie. La retorica senza lumi dei mass media italiani, Milan, Feltrinelli 2005 [2a ed. 2006, 3a ed. 2010].

Profilo linguistico dei dialetti italiani, Roma – Bari, Laterza 2009 [2a ed. 2013].

Herausgeberschaft

Michele Loporcaro e Peter Stotz (curr.), Le 'Derivazioni' di Uguccione da Pisa. Atti dell'incontro di studi all'Università di Zurigo, 10 febbraio 2006, «Archivum Latinitatis medii aevi» LXIV (2006) [ma 2007], 241-275.

Michele Loporcaro, Lorenza Pescia, Romano Broggini and Paola Vecchio (curr.),Carlo Salvioni, Scritti linguistici. 5 voll., Bellinzona, Edizioni dello Stato del Cantone Ticino 2008.

Michele Loporcaro (cur.), Itinerari salvioniani, Tubinga e Basilea, Francke Verlag 2011 (Romanica Helvetica Bd. 132).

Michele Loporcaro, Vincenzo Faraoni und Piero Adolfo Di Pretoro (curr.), Vicende storiche della lingua di Roma, Alessandria, Edizioni dell’Orso 2012.

Ignazio Putzu und Michele Loporcaro (curr.), Studies in Sardinian morphology, Sonderheft von «Lingue e linguaggio» 11/1 (2012).

Artikel

Stress stability under cliticization and the prosodic status of Romance clitics, in Lori Repetti (curr.), Phonological Theory and the Dialects of Italy, Amsterdam – Philadelphia, John Benjamins 2000, 137-168.

Unveiling a masked change: behind vowel harmony in the dialect of Claro, in David Restle e Dietmar Zaefferer (curr.), Sounds and Systems. Studies in Structure and Change. A Festschrift for Theo Vennemann, Berlin: Mouton de Gruyter 2002 (Trends in Linguistics. Studies and Monographs), 75-90.

Distinctive features and phonological change: vowel fronting and gravity interactions in Altamurano, «Rivista di Linguistica» XIII (2001), pp.255-308 (ma 2002).

Il pronome loro nell'Italia centro-meridionale e la storia del sistema pronominale romanzo, «Vox Romanica» LXI (2002), 48-116.

Dialettologia, linguistica storica e riflessione grammaticale nella romanistica del Duemila. Con esempi dal sardo, in Fernando Sánchez Miret (ed.), Actas del XXIII CILFR, Salamanca, 24-30 Settembre 2001, Tubinga, Niemeyer 2003, vol. I, 83-111.

M. Loporcaro, Lorenza Pescia e Maria Ana Ramos, Costrutti dipendenti participiali e participi doppi in portoghese, «Revue de linguistique romane» LXVIII (2004), 15-46.

The Unaccusative Hypothesis and participial absolutes in Italian. Perlmutter's generalization revised, «Rivista di Linguistica/Italian Journal of Linguistics» XV,2 (2003), 199-263 [ma 2004].

M. Loporcaro e M. T. Vigolo, Accordo per genere del verbo finito in italo-romanzo: l'arco alpino orientale, «ID» LXIII-LXIV (2002-2003), 7-32 [ma 2005].

Typological remarks on Sardinian: 1. Vowel harmony. 2. Sardinian in a correlative typology of the Romance languages, «STUF - Sprachtypologie und Universalienforschung» LXVIII, 2-3 (2005), 210-227 [Focus on: Sardinian in typological perspective, ed. Ignazio Putzu].

P. M. Bertinetto e M. Loporcaro, The sound pattern of Standard Italian, as compared with the varieties spoken in Florence, Milan and Rome, «JIPA» XXXV (2005), 131-151.

Crossing form and function: first and second person plural imperatives in the dialect of Mesocco, «Folia Linguistica» XL (2006), 135-154.

Contatto e mutamento linguistico in Sardegna settentrionale: il caso di Luras, «Revue de linguistique romane» LXX (2006), 321-349.

On triple auxiliation in Romance, «Linguistics» XLV (2007), 173-222.

Facts, theory and dogmas in historical linguistics: vowel quantity from Latin to Romance, in Joseph C. Salmons e Shannon Dubenion-Smith (curr.), Historical Linguistics 2005. Selected papers from the 17th International Conference on Historical Linguistics, Madison, Wisconsin, 31 July- 5 August 2005, Amsterdam – Philadelphia: John Benjamins 2007, 311-336.

Variation and change in morphology and syntax. Romance object agreement, in Franz Rainer, Wolfgang U. Dressler, Dieter Kastovsky e Hans Christian Luschützky (eds.), curr and Change in Morphology. Selected papers from the 13th International Morphology Meeting, Vienna, February 2008, Amsterdam – Philadelphia, Benjamins 2010, 149-175

The logic of Romance past participle agreement, in Roberta D’Alessandro, Adam Ledgeway and Ian Roberts (eds.). Syntactic Variation. The Dialects of Italy, Cambridge, Cambridge University Press 2010, 225-243.

Ascoli, Salvioni, Merlo, in Convegno nel centenario della morte di Graziadio Isaia Ascoli (Roma, 7-8 marzo 2007). Roma, Scienze e lettere editore commerciale 2010 [Accademia Nazionale dei Lincei, Atti dei Convegni Lincei 252], 181-201

Michele Loporcaro and Tania Paciaroni, Four gender-systems in Indo-European, «Folia Linguistica» XLV (2011): 389-433.

Phonological processes, in Martin Maiden, John Charles Smith e Adam Ledgeway (curr.). The Cambridge History of the Romance Languages, vol. 1. Structures, ch. 3. Cambridge: Cambridge University Press 2011, 109-154, 689-698.

2011d Syllable, segment and prosody, in Martin Maiden, John Charles Smith e Adam Ledgeway (curr.). The Cambridge History of the Romance Languages, vol. 1. Structures, ch. 2. Cambridge: Cambridge University Press 2011, 50-108, 684-689.

Morphological complexity without abstractness: Italo-Romance metaphony, «Poznan studies in contemporary linguistics» XLVII.2 (2011): 177-202

Stems, endings and inflectional classes in Logudorese verb morphology, «Lingue e linguaggio» XI.1 (2012): 5-34.

Un paragrafo di grammatica storica del romanesco: lo sviluppo della laterale palatale, in Michele Loporcaro, Vincenzo Faraoni e Piero A. Di Pretoro (curr.), Vicende storiche della lingua di Roma, Alessandria, Edizioni dell’Orso 2012, 103-132

Merlo e Chomsky, glottide e competenza linguistica,«L’Italia dialettale» LXII  (2011): 159-189.

Innalzamento delle vocali medie finali atone e armonia vocalica in Sardegna centrale, «Vox Romanica» LXX (2011) [ma 2012]: 114-149

Contact-induced change in personal pronouns: some Romance examples, in Martine Vanhove, Thomas Stolz, Aina Urdze and Hitomi Otsuka (curr.), Morphologies in contact, Berlino, Akademie Verlag [Studia Typologica, STUF Beiheft 10], 207-225.

A new strategy for progressive marking and its implications for gram­maticalization theory: the subject clitic construction of Pantiscu, Studies in Language XXXVI.4 (2012), 747-784.

Forschungsprojekte

Edizione degli scritti linguistici di Carlo Salvioni
1.10.2003 - 30.9.2005
Repubblica e Cantone Ticino
FNS

Riassunto
Benché la figura di Carlo Salvioni sia stata oggetto di studio, non è stata sinora realizzata un’edizione dei suoi scritti, completa di apparato critico. Il fatto che sinora manchi una raccolta degli scritti di Carlo Salvioni sembra proseguire post mortem quel destino intellettuale che fece sì che il Salvioni desse alle stampe, in vita sua, una sola monografia in volume: la tesi di Lipsia sulla Fonetica del dialetto moderno della città di Milano (1884). Una ritrosia alla monografia estesa che Gianfranco Contini, nel bel ricordo intitolato Modernità e storicità di Carlo Salvioni («Archivio storico ticinese» 1961) spiegava adducendo «un'illimitata fiducia nel mondo reale come riserva e cava inesauribile da cui estrarre frammenti documentarî; e un'immediata e inconscia umiltà», traducentesi nella rinuncia a fissare tale realtà entro la struttura di una monografia chiusa. Un «rifiuto alla chiusura» che, per inciso, fu comune ad altre grandi figure di glottologi e filologi - come Clemente Merlo e lo stesso Contini - che in Salvioni riconobbero un maestro. Ma che questo limite esterno, di confezione dell'opera, possa essere proficuamente superato mostra ad esempio il destino delle sue note etimologiche. Mai riunite in un lessico organico dall'autore, lo furono per opera di P. Faré (Postille italiane al «Romanisches Etymologisches Wörterbuch» di W. Meyer-Lübke. Comprendenti le «Postille italiane e ladine di Carlo Salvioni», Milano: Ist. Lombardo di Scienze e Lettere, 1972), col risultato che oggi, in ogni biblioteca di linguistica romanza e di filologia italiana, questo etimologico postumo costituisce un complemento imprescindibile al Romanisches Etymologisches Wörterbuch del Meyer-Lübke: lo si addita, doverosamente, come tale sin dai corsi Introduttivi. Un posto simile verrebbe ad occupare, nelle intenzioni dei curatori, la raccolta degli scritti linguistici e dialettologici che qui si propone.

Exkursionen

Dal 1999, annualmente si svolgono escursioni con studenti e dottorandi, connesse al seminario del semestre estivo (d’ora in avanti, primaverile), per svolgere inchieste sul campo in diverse zone d’Italia e della Svizzera italiana. Questo l’elenco di quelle svolte sin qui (fra parentesi l’indicazione delle pubblicazionoi risultatene, per le quali v. la lista delle pubblicazioni):

  • maggio 1999: Làconi (Sardegna) (L. 2002-03, 2003)
  • giugno 2000: Subiaco (Lazio)
  • giugno 2001: Mesocco, Claro (Svizzera it.) (L. 2002, 2006, L. e Vigolo 2002-03)
  • giugno 2002: Soglio (Val Bregaglia) (L. et al. 2005)
  • giugno 2003: Luras, Tempio Pausania (Sardegna) (L. 2005)
  • settembre 2004: Lizzano in B., Piandelagotti (Emilia) (L. et al. 2005)
  • giugno 2005: Airolo (Val Leventina), Evolène, Delémont
  • luglio 2006: Vallo di Diano (Campania)
  • luglio 2007: Agnone (Molise) 
  • giugno 2008: Piandelagotti (Emilia)
  • giugno 2009: Pantelleria
  • luglio 2010: Sardegna

Escursione a Luras

 

Weitere Links

I “sorcini” al Tg: retorica del parlato, giornalismo e scuola - 15/06/07
Articolo nella sezione: “Lo stato dell’informazione”
Lunghezza Articolo: 1 Pagina
Articolo

I sogni del dottor Mauro, il principio di realtà e il partito democratico - 30-5-07
Articolo nella sezione: “Lo stato dell’informazione”
Lunghezza Articolo: 1 Pagina
Articolo

La fine del quarto potere - 17-7-06
Articolo nella sezione: Opinioni e Firme
Lunghezza Articolo: 1 Pagina
Articolo

La questione Tv e i servi sciocchi - 12-3-06
Articolo nella sezione: “Lo stato dell’informazione”
Lunghezza Articolo: 1 Pagina
Articolo

I numeri, tecniche di manipolazione - 12-12-05
Articolo nella sezione: La Grammatica della Manipolazione
Lunghezza Articolo: 2 Pagine
Articolo

Ideologia della tv
Articolo nella sezione: Opinioni e Firme
Lunghezza Articolo: 1 Pagina
Articolo

No, non è la BBC
Articolo nella sezione: “Lo stato dell’informazione”
Lunghezza Articolo: 1 Pagina
Articolo

GLOB, Rai Tre, puntata 10 maggio 2006 http://www.media.rai.it/mpmedia/0,,glob^4804,00.html

Massimo Donelli, Giuseppe Laterza, Michele Loporcaro Ezio Mauro, Corrado Passera, Salvatore Settis, Oliviero Toscani
I volti di Babele: qualità ed etica della comunicazione, Pisa, Scuola Normale Superiore, 18 giugno 2004 http://www.sns.it/it/attivitaculturali/dialoghi/annoincorso/babele/video/loporcaro/

Invito Convegno Alba

Interviste - L'Italia a Zurigo

(Intervista a cura di Mattia Bertoldi)

Michele Loporcaro nasce a Roma nel 1963. Affronta gli studi di linguistica all’Università e alla Scuola Normale Superiore di Pisa (1982-1990), intercalati da una breve parentesi formativa a Vienna (1984-85). Dopo varie esperienze in Italia, Svizzera, Austria e negli Stati Uniti approda a Zurigo nel gennaio 2000 in qualità di professore ordinario di linguistica romanza e linguistica storica italiana. A settembre dello stesso anno, diviene direttore del seminario di linguistica romanza.

Professor Loporcaro, come è arrivato all’Università di Zurigo? Quali erano le sue aspettative?
In Italia si ha in generale una visione un po’ “nebulosa” di Zurigo: molti la conoscono grazie a Francesco De Sanctis, ma pochi conoscono le differenze che corrono tra il Politecnico federale e l’Università cantonale. Per la linguistica storica italiana, invece, Zurigo è il luogo di nascita dell’Atlante Italo-Svizzero (AIS), quindi un seminario di indubbio prestigio. Il mio trasferimento in Svizzera è nato nel più semplice dei modi: era stato bandito un concorso congeniale alle caratteristiche professionali della mia ricerca, nonché alle esigenze personali della mia famiglia. Per questo motivo ho mandato una domanda d’ammissione e sono stato assunto.

Oltre alla tradizione, quali sono i vantaggi del lavoro all’università di Zurigo?
Considero Zurigo il “non plus ultra” per il lavoro che faccio, l’unico posto fuori dall’Italia (o per meglio dire, dei centri accademici di grande tradizione come Padova e Pisa) che offre condizioni ottimali per chi si occupa sia di linguistica teorica che di dialettologia italiana. Le strutture bibliotecarie sono infatti molto attrezzate e offrono la possibilità di consultare, ad esempio, la bibliografia primaria dell’800 sui dialetti italiani così come i saggi pubblicati più recentemente. Questa particolare attenzione alla conservazione e all’aggiornamento del patrimonio bibliografico rendono Zurigo un posto perfetto per studiare, come possono confermare i miei dottorandi che spesso, arrivando dall’Italia, giudicano questo posto “un paradiso accademico”.

Quali invece i suoi campi di studi e il suo metodo di ricerca?
Sono interessato a diversi aspetti della linguistica, ma mi considero uno specialista di varietà italo-romanze e dialetti italiani che ho studiato, spesso con ricerche sul campo, praticamente dalla Calabria sino all’arco alpino. Anche qui a Zurigo ho organizzato diverse escursioni in Italia, congiungendo così l’ambito didattico alla ricerca. Una volta raccolti i dati cerco di analizzarli nel quadro romanzo, applicando gli strumenti teorici correnti nel mio ambito di ricerca, perlopiù nei campi della fonetica e della fonologia, della morfologia e della sintassi. Esemplificando, nell’ambito delle lingue romanze ho ad esempio studiato l’accordo participiale, così come il sistema di genere. In questo ultimo campo di ricerca, si sa che l’italiano ha due generi (maschile e femminile), il rumeno tre (con il neutro), ma in base ai risultati raggiunti dalle tesi alcune mie studentesse ho motivo di credere che alcune varietà italo-romanze meridionali presentino quattro generi distinti: una cosa del tutto ignota, ad esempio, per chi fa tipologia linguistica.

Lei è stato anche autore di diversi saggi più engagés relativi al mondo della comunicazione pubblica, tra i quali spicca il libro “Cattive notizie - La retorica senza lumi dei mass media italiani”, edito da Feltrinelli nel 2005. Che esperienza ne ha ricavato?
Tengo sempre a premettere che per pubblicare quel libro non ho dovuto studiare in nessuna facoltà di scienze della comunicazione, bensì ho semplicemente applicato gli strumenti acquisiti in linguistica e letteratura, come ad esempio le nozioni di narratologia. Ciò testimonia innanzitutto la polivalenza della linguistica, utilizzabile in svariati campi di ricerca; in secondo luogo, conferma come gli studi linguistici possano rivelarsi fondamentali per capire alcuni aspetti fondamentali del nostro essere uomini.

Pensa di rimanere a Zurigo?
Come si dice in tedesco, il futuro sta nelle stelle, ma per il momento non ho alcuna intenzione di andarmene: qui a Zurigo si lavora bene.